180

Meglio fare mensili che annuali

Quante volte l’ho sentita questa! E certo, vendere mensili è più semplice, anche più “familiare” in un certo senso. E consente un introito per cliente mediamente più alto, rispetto all’annuale, se si divide quest’ultimo per 12 mesi. Ma avrebbe un senso solo se ogni utente che usufruisce di abbonamento mensile ne acquistasse almeno 9 o 10 in un anno. Se così è, allora vendi pure solo mensili. Ma se così non è (e nella maggior parte dei casi la media è notevolmente più bassa) allora l’abbonamento annuale è l’unica soluzione per garantirsi un flusso finanziario ed economico più elevato e una fidelizzazione più certa.

Mi apre una low cost a fianco: devo abbassare i prezzi

Follia pura! La low cost ha prezzi bassi perché ha una struttura di costi che lo consente. Se tu abbassi i prezzi senza prima abbassare i costi, stai solo diminuendo il margine (che già nel fitness non è elevato…), e questo comporterà un abbassamento del livello di servizio, problemi finanziari e di pagamenti, difficoltà nella manutenzione ordinaria, e così via, in una spirale negativa che non si sa dove porterà.

Il reparto commerciale non serve a nulla

Se mal scelto, mal formato e mal gestito, allora sì. Ma se così non è, un front-office efficace alza la percezione di servizio medio del tuo club, garantisce un controllo degli utenti, e migliora le performance di inserimento di nuovi soci e di fidelizzazione di quelli esistenti. Certo, c’è del lavoro da fare per starci dietro: ma i risultati si vedono eccome, e alzano il fatturato e il margine.

La concorrenza non mi interessa

Sei sicuro? Sapere quello che fanno i tuoi concorrenti ti aiuta a stare sul mercato. Non perché li devi copiare pedissequamente (giammai!) ma perché in questo modo hai un’idea di quello che viene offerto al tuo bacino di utenza, e quindi ai tuoi clienti potenziali. E puoi capire se ciò è coerente oppure no alla tua particolare offerta, e quindi posizionarti di conseguenza.

La tecnologia è inutile

Strano, eppure anche tu, come la maggioranza, usi uno smartphone. O no? In realtà, anche in questo caso, la tecnologia va usata in maniera intelligente. Avere un software completo che non solo, banalmente, “apra il tornello”, ma dia tutti i dati utili per anticipare le scelte gestionali, è un ausilio indispensabile. Impostare una scheda di allenamento su una app (ce ne sono diverse, oggigiorno) anziché su un foglio di carta non solo è ecologico, ma ti rende semplice il loro monitoraggio. Creare interesse verso il tuo club attraverso un sito web, i social media, l’email marketing, e così via, aumenta la tua penetrazione nel bacino di utenza.

 

Ti potrebbero anche interessare:

5 bufale sull’allenamento funzionale e Crossfit

Commenta con Facebook

Commenti