Assistenza tecnica

Abbiamo la soluzione!

Per risolvere un problema evitiamo di crearne un altro!

 

Vietato barare! A volte vediamo, nei comportamenti altrui, cose che ci fanno sorridere o sorprendere; senza renderci conto che a nostra volta ci comportiamo nello stesso modo. Il gioco che mi piacerebbe fare, è quello di riconoscersi in alcuni atteggiamenti. Alzi la mano chi non si è mai trovato almeno in una delle situazioni che andremo ad esaminare.

Sì è fermata di colpo

Diciamocelo sinceramente, è rarissimo che succeda di colpo! Qualche avvisaglia che fa presagire un’imminente avaria di solito si manifesta; vero è che non sempre se ne tiene conto – si spera sia il solito rumorino dovuto un po’ all’età un po’ alla poca voglia di star dietro a cose che “intanto con l’elettronica è così, quando succede succede!”. Noi la pensiamo in un altro modo, soprattutto quando si tratta di pezzi non proprio recentissimi, che godono di scarsa manutenzione, o peggio che non hanno mai visto un tecnico.

Come al solito quando incomincia la stagione si ferma qualche macchina

Su questa pochissimi alzano la mano! Sfortuna? Anche no. Un po’ come noi umani le attrezzature – a volte – mantengono una loro funzionalità pur accusando qualche acciacco (che spesso si trascura per mille motivi), poi un fermo di qualche settimana e…tra i molteplici impegni, oneri, programmi: le manutenzioni rischiano di diventare un’extra, da rimandare! Così le lubrificazioni si inaridiscono, i meccanismi si assestano, le gomme si irrigidiscono, le polveri si annidano, l’umidità (le condense estive ad esempio) si insinuano – magari in qualche circuito – e voilà come riaccendiamo va in errore, si brucia un fusibile, va in panne l’inverter (?).

Ho una certa urgenza perché ho la macchina ferma…

Può essere il seguito della situazione precedente. È comprensibile l’affanno nel volerla ripristinare immediatamente; una macchina ferma, specie a inizio stagione, è un pessimo segnale. I clienti/soci che hanno sottoscritto l’abbonamento, perché li abbiamo convinti che noi siamo i migliori, – e sarà pur vero – si aspettano che le macchine siano tutte e sempre funzionanti e in ottimo stato, di efficienza e di sicurezza.

Possibile che sia così caro?

Ecco appunto un requisito su cui ci si sofferma, a ragione. Anche in questo caso i valori devono essere equi, per entrambi le parti, e la loro percezione può essere solo determinata da una cultura di base. Qui il gioco è più sottile: ribadiamo il concetto: il prezzo va sempre parametrato al risultato e alle garanzie annesse, ad esso si associano altre componenti: rapidità e completezza dell’esecuzione.

Good-cheap-fast

Non si può spendere meno?

Cerrrrrto che si può spendere meno! Per questo i nostri collaboratori fanno la domanda di controllo: “Quando dici spendere meno a cosa ti riferisci, all’intervento attuale o a quanto ti viene a costare rimettere in sesto l’attrezzo?”. Perché la distinzione è determinante; a volte basta poco per rimettere in moto un attrezzo che si è fermato, o sostituire un nastro con un altro che costa meno; maaaa siamo sicuri che così si spenda davvero meno a medio breve termine?

Non potremmo incominciare a cambiare solo quello?

A volte il contenimento della spesa passa dalla richiesta di limitare la prestazione. Quando alla stazione di servizio vogliono cambiarci a tutti i costi le spazzole tergicristallo la cosa ci indispettisce; è altrettanto vero che: se quando scendono due gocce, le spazzole ci fanno giocare a mosca cieca, ci rendiamo conto che forse erano davvero da cambiare! Alla base c’è un problema serio: si chiama fiducia, prima ancora che risparmio. Perché se il medico ci prescrive due farmaci, non ci viene in mente di chiedergli di prenderne uno solo, poi si vede… Qui la responsabilità passa al Tecnico, perché la fiducia, di norma, si dà e si richiede a ragion veduta; e si acquisisce sul campo!

Caspita per me il 22% in più (IVA) è un costo, non si può farne a meno?

Ogni commento sarebbe inopportuno, ma la domanda è frequente. La verità è che ci sono poche strade per evitare un aggravio di quasi un quarto del valore. Una sarebbe quella di trovarsi nella condizione di operatore commerciale, un’altra che il prestatore d’opera potesse agire in esenzione; tutto il resto appartiene alle soluzioni creative che spesso creano più svantaggi che benefici. Formare manutentori interni potrebbe essere una soluzione.

Ma mi avevate detto che era in garanzia

Finisco (per ora) con questa e vi do appuntamento al prossimo numero. Con le garanzie a volte si gioca a rimpiattino, il nuovo – ad uso commerciale – ha di norma la garanzia di un anno! Le estensioni di garanzia sono contratti aggiuntivi; le garanzie sulle parti sostituite sono limitate alla parte sostituita. È su questo che spesso si creano incomprensioni, e un operatore serio deve saperlo spiegare, prima! Il motore si è bruciato perché il nastro è logoro e la tavola è consumata, se lo vuoi installare, senza sostituire anche nastro e tavola, sappi che non ti posso dare nessuna garanzia!

Facebook Comments

In this article