Allenarsi in gruppo

0

Una nuova tendenza nell’ambito del fitness riguarda l’allenamento in mini gruppi sotto la guida di un personal trainer che motiva e segue le persone, portandole al raggiungimento dell’obiettivo finale

Il Personal Trainer, o allenatore personale, è una figura professionale preposta a gestire in maniera individualizzata l’allenamento di quei soggetti che si avvicinano o praticano attività fisica per migliorare il proprio stato di salute o di forma fisica. Il Personal Trainer di solito ha anche il compito di educare i soggetti a stili di vita salutari ed ha, inoltre, il ruolo di motivatore nell’ambito della pratica dell’attività fisica.

Da soli o in gruppo
Il personal trainer può impostare il proprio lavoro in modo da lavorare con la formula del “One to One”, ovvero un’ora di allenamento svolta con un solo cliente, o può creare dei mini gruppi con caratteristiche omogenee ed allenarli tutti insieme. I gruppi dovrebbero essere composti da un minimo di 4 ad una massimo di 8 persone, in modo che la qualità del servizio rimanga alta. Strutturare sessioni di allenamento in mini gruppi è un ottimo modo per aumentare il tempo a disposizione lasciando invariata la retribuzione oraria e, allo stesso tempo, per incrementare il numero dei clienti, i quali avranno, fra l’altro, il vantaggio di usufruire di un buon risparmio dato dalla condivisione del costo del PT. Un personal trainer in media guadagna 30 euro all’ora. Immaginando un mini gruppo formato da 4 persone, il trainer può effettuare uno sconto del 50% ai clienti, domandandogli 15 euro all’ora che, moltiplicati per 4, fanno 60 euro all’ora, ovvero il doppio di quello che il trainer avrebbe guadagnato in un’ora in “One to One”. Immaginando un mini gruppo formato da 8 persone, il trainer può effettuare uno sconto del 70% ai clienti, domandandogli 9 euro all’ora che, moltiplicati per 8, fanno 72 euro all’ora, ovvero il 140% in più rispetto all’ora in “One to One”.

Creare il gruppo
Creare il gruppo per il personal trainer sarà la cosa più difficile.
La prima cosa da fare è cercare persone che hanno obiettivi in comune e a cui piace l’idea di lavorare in gruppo. Ad esempio, si potranno creare mini gruppi con allenamenti volti al dimagrimento, alla tonificazione, alla ginnastica posturale, alla ginnastica antalgica, alla terza età, alla preparazione atletica o all’allenamento funzionale. Una volta trovati gli obiettivi o le esigenze in comune, il secondo ostacolo da superare sarà la socializzazione. La parola gruppo definisce un insieme di persone che interagiscono le une con le altre in modo ordinato, sulla base di aspettative condivise riguardanti il rispettivo comportamento. È un gruppo chi vuole raggiungere obiettivi specifici. Il successo del progetto dei mini gruppi di allenamento è dato, in maniera assoluta, dalla fase della costruzione del gruppo e della gestione dello stesso, situazione gestibile solo da personal trainer con esperienza e che si sono formati oltre che in ambito tecnico anche nell’ambito della comunicazione e dell’intelligenza emotiva.

Con le kettlebell
I personal trainer di successo sono sempre attenti alle nuove tendenze nell’ambito dell’allenamento. Attualmente sono molto in voga le kettlebell. Il loro peso parte da 8 kg e segue i multipli di otto fino a raggiungere i 48 kg, con la kettlebell definita dai cultori “the beast”. Negli ultimi anni, per un utilizzo più commerciale, sono entrati in produzione pesi intermedi, in genere partono da 2 kg e seguono i multipli di 2 (4 – 6 – 8 kg).
Sarà ora proposto un circuito che utilizza le kettlebell e gli elastici.

Allenamenti classici
Per i clienti più tradizionalisti non sono da dimenticare i classici allenamenti di tonificazione tramite macchine isotoniche, manubri e bilancieri. Diversi centri fitness ultimamente propongono sale in cui sono state posizionate una serie di macchine sulle quali ci si allena a circuito con la finalità di tonificare e dimagrire. Questi spazi sono l’ideale per un personal trainer che voglia far muovere un mini gruppo.
Spesso il modo migliore è quello di posizionare all’interno della stessa sala delle bike da indoor cycling o dei tappeti da walking, in modo da poter, nell’arco dell’ora di allenamento, creare circuiti misti aerobico/tonificazione, variando con le diverse tipologie. Dal classico cardio fit training potrò passare agli spot reduction o alle metodiche in Peripherial Heart Action e a tante altre ancora in modo che l’allenamento sia sempre vario e divertente.

Solo per lei
Questo gruppo sarà caratterizzato dal fatto che vi potranno partecipare solo donne. È chiaro che la finalità di questo gruppo sarà volta al dimagrimento o, ancora meglio, mirata esclusivamente al combattere la cellulite. Le metodiche di allenamento potranno variare dai circuiti misti per snellire la parte inferiore del copro e tonificare la parte superiore, oppure a lavori in “dimagrimento localizzato” tramite circuiti spot reduction. Per rendere questo gruppo ancora più esclusivo e accattivante, nel servizio si potrebbero includere dei mini incontri con un nutrizionista per dispensare i giusti consigli alimentari e rispondere ad eventuali dubbi o domande delle clienti, in modo da associare alimentazione e allenamento e raggiungere gli obiettivi sperati.

Abdominal Killer
Gli addominali sono uno di quei muscoli che tutti vorrebbero avere, ma che nessuno allena! La finalità di questo mini gruppo è quella di allenarsi insieme, sfruttando l’emotività che un gruppo crea per trovare la motivazione di allenare la zona del core. Questo potrebbe diventare un corso “civetta” per il personal trainer, in quanto potrebbe far durare la lezione solo 30 minuti e aprirla a un numero maggiore di persone rispetto ai mini gruppi descritti in precedenza. Potrebbe essere un ottimo modo per pubblicizzare la propria figura e la propria professionalità. Un tappetino, una compilation bella carica e il gioco è fatto.

Il fast fitness
Spesso il cliente usa frasi del tipo: ho poco tempo per allenarmi, appena ho tempo inizio, devo vedere se trovo il tempo, non so se ho tempo, e tante altre simili. Il problema è dunque la mancanza di tempo, a causa dei numerosi impegni che mediamente si devono affrontare quotidianamente. Questo mini gruppo proporrà un sistema che in sedute di allenamento corte farà perdere peso corporeo, aumentare il tono muscolare, aumentare la performance cardio-respiratoria, aumentare lo stato di fitness con conseguente aumento del benessere psico-fisico. Questo gruppo potrebbe avere un grosso successo nella fascia oraria della pausa pranzo. Un nome accattivante potrebbe essere T.M.T. (twenty-minutes-training).

Prepararsi all’outdoor
Con l’arrivo della bella stagione, i clienti spesso manifestano il desiderio di allenarsi tramite la corsa all’aria aperta. Il problema che si trovano ad affrontare è il non sapere gestire un allenamento che li renda in grado di correre. In questo caso il tipo di mini gruppo di allenamento sarà, quindi, un piccolo numero di persone che sotto la guida del personal trainer si muove per prepararsi all’attività outdoor. Un primo allenamento che si potrebbe affrontare è quello della corsa in gruppo. Correre è sinonimo, nella mente delle persone, di benessere e di forma fisica. Dato per assodato che il gruppo presenta una forma fisica omogenea, il primo modulo allenante sarà il fartlek. Fartlek (o speed play) è un termine della lingua svedese che significa “gioco di velocità”. La differenza tra questo tipo di allenamento e quello appena descritto sta nel fatto che l’intensità o la velocità dell’esercizio varia, ciò significa che il sistema aerobico e anaerobico sono messi sotto sforzo alternativamente. La maggior parte delle sessioni di Fartlek dura almeno 45 minuti e possono variare dalla camminata aerobica allo scatto anaerobico. I moderni treadmill sono in grado di simulare il fartlek gestendo velocità e pendenza in modo da variare l’intensità a cui si devono allenare i clienti. Il problema che sorgerà nello svolgimento di questo tipo di allenamento svolto in palestra sarà il numero limitato di treadmill presenti mediamente nei centri fitness. Per ovviare a questo tipo di problema il personal trainer si organizzerà, utilizzando la sala walking e i relativi tappeti a volano. Le variazioni di velocità e d’intensità saranno gestite tramite aumenti di velocità o di pendenza. Segue un esempio di come può essere impostata una seduta di Fartlek.

Un’altra metodica che il trainer potrà proporre è il Power Walking Circuit, in altre parole un’alternanza di esercizi di tonificazione con elastici o pesetti intervallati da momenti di walking.

Giochi senza panciere
Questa metodica, che metodica non è, nasce da una mia esperienza personale, che alla fine si è mostrata molto divertente per i clienti e di grande soddisfazione per i trainer. Il gioco consiste nel formare dei mini gruppi di persone il cui obiettivo è perdere peso. Ogni gruppo sarà assegnato ad un trainer che avrà il compito di decidere le metodiche allenanti. Ogni gruppo eleggerà un capitano che avrà la funzione di motivare i membri del gruppo. I soggetti saranno pesati ad inizio progetto. Dopo un paio di mesi di allenamento nei quali i partecipanti si dovranno allenare 2/3 volte a settimana in accordo con tutti i gruppi, vincerà la squadra che è dimagrita di più e vincerà l’uomo e la donna che sono dimagriti di più.

Luca Franzon