Bulletproof Jovanotti a Radio Deejay

Bulletproof: cos’è la dieta amata da Jovanotti?

In America è una delle mode alimentari del momento, mentre in Italia non se ne sente ancora parlare molto. E’ la cosiddetta dieta Bulletproof, a prova di proiettile, che da qualche giorno è diventata improvvisamente popolare anche da noi grazie a Jovanotti.

 

Invitato da Linus e Nicola Savino di Radio Deejay alla notissima trasmissione Deejay Chiama Italia, il cantautore, recentemente tornato in Italia dalla California, dove le sperimentazioni sull’alimentazione e sulle pratiche sportive sono all’ordine del giorno, ha raccontato di aver incontrato per caso l’inventore del metodo Bulletproof:

“Ero a pranzo con Rick Rubin, il produttore del mio disco… e a un certo punto si avvicina a noi un signore con il viso di un ottantenne e il fisico di Roberto Bolle. Sai chi è quello lì? – mi ha detto – quello che ha sperimentato il metodo Bulletproof, a prova di proiettile”.

Andando avanti con il racconto, incalzato da Linus e Nicola, Jovanotti ha spiegato brevemente qual è il “cuore” di questa nuova tendenza:

“L’idea è quella che i grassi sono buoni. Tutti! Burro, bacon, salame (togli il magro e mangi solo i tondini)”…

Bulletproof: Linus la considera il più bel regalo di Natale

Insomma, una notizia bomba, il più bel regalo di Natale, come ha giustamente sottolineato Linus, tra le risate e un inevitabile scetticismo.

Jovanotti, che a quanto pare si sta convincendo a incrementare la quantità di grassi nella sua dieta giornaliera (soprattutto a colazione, dove sta sperimentando una ricetta-bomba di caffè con il burro) ha concluso con un invito che arriva graditissimo in questo periodo di peccati di gola e abbuffate: “Siete liberi. Sfogatevi. Spremete il pandoro!”.

“Ma in tutto questo tua moglie ti segue?” gli ha chiesto infine curioso Linus. “Lei dice che non è vera… che è una caxxata, che non può essere così”.

Ai posteri l’ardua sentenza.

Intanto qualche informazione in più sulla dieta Bulletproof la trovate sul sito bulletproof.com 

Commenta con Facebook

Commenti

In this article