Bulletproof Jovanotti a Radio Deejay

Bulletproof: cos’è la dieta amata da Jovanotti?

In America è una delle mode alimentari del momento, mentre in Italia non se ne sente ancora parlare molto. E’ la cosiddetta dieta Bulletproof, a prova di proiettile, che da qualche giorno è diventata improvvisamente popolare anche da noi grazie a Jovanotti.

 

Invitato da Linus e Nicola Savino di Radio Deejay alla notissima trasmissione Deejay Chiama Italia, il cantautore, recentemente tornato in Italia dalla California, dove le sperimentazioni sull’alimentazione e sulle pratiche sportive sono all’ordine del giorno, ha raccontato di aver incontrato per caso l’inventore del metodo Bulletproof:

“Ero a pranzo con Rick Rubin, il produttore del mio disco… e a un certo punto si avvicina a noi un signore con il viso di un ottantenne e il fisico di Roberto Bolle. Sai chi è quello lì? – mi ha detto – quello che ha sperimentato il metodo Bulletproof, a prova di proiettile”.

Andando avanti con il racconto, incalzato da Linus e Nicola, Jovanotti ha spiegato brevemente qual è il “cuore” di questa nuova tendenza:

“L’idea è quella che i grassi sono buoni. Tutti! Burro, bacon, salame (togli il magro e mangi solo i tondini)”…

Bulletproof: Linus la considera il più bel regalo di Natale

Insomma, una notizia bomba, il più bel regalo di Natale, come ha giustamente sottolineato Linus, tra le risate e un inevitabile scetticismo.

Jovanotti, che a quanto pare si sta convincendo a incrementare la quantità di grassi nella sua dieta giornaliera (soprattutto a colazione, dove sta sperimentando una ricetta-bomba di caffè con il burro) ha concluso con un invito che arriva graditissimo in questo periodo di peccati di gola e abbuffate: “Siete liberi. Sfogatevi. Spremete il pandoro!”.

“Ma in tutto questo tua moglie ti segue?” gli ha chiesto infine curioso Linus. “Lei dice che non è vera… che è una caxxata, che non può essere così”.

Ai posteri l’ardua sentenza.

Intanto qualche informazione in più sulla dieta Bulletproof la trovate sul sito bulletproof.com 

Facebook Comments

In this article