638

Un attrezzo originale studiato, costruito e utilizzato per allenare la mobilità articolare, la tenuta del core addominale e incrementare la stabilità di tutto il corpo

Zurkhane, “la fonte della potenza”: la storia della ricerca della massima forza fisica, da parte dell’uomo e della casta dei guerrieri in particolare, affonda in Persia le sue millenarie radici. Attinge infatti a questa pratica, ancora oggi tradizionalmente tenuta in vita in Iran e riservata esclusivamente agli uomini, nella quale l’attrezzo principale è una clava di peso e dimensioni diverse, a seconda delle capacità di chi la maneggia. I guerrieri persiani erano conosciuti nell’antichità come “gli immortali” per la loro grandissima capacità di lottare oltre qualsiasi limite, verso cui gli avversari potessero spingersi: ne è testimone Leonida con i suoi 300. Questa forza leggendaria dalle pianure mesopotamiche si snoda attraverso i secoli per approdare a noi, grazie alla moderna riedizione della clava, in una forma definita come design, struttura e peso, che con il nome di Clubbell® è stata brevettata ormai più di dieci anni fa da Scott Sonnon, in America.

Ma com’è possibile che uno strumento così primitivo possa oggi essere utile – se non indispensabile – per la preparazione fisica di atleti professionisti della lotta e delle discipline da combattimento, come dei più disparati sport, dallo sci d’acqua al tennis, dal volley al golf? Cosa garantisce di diverso dai sistemi di allenamento tradizionalmente in uso, sia per il fitness sia per la preparazione atletica specifica?

Specificità del Clubbell®
Il Clubbell® recupera la tradizione utilizzata per secoli di spostare un peso in tre direttrici, invece di sollevarlo solo in una o due di queste
. Il peso decentrato del Clubbell® crea uno spostamento che, per il suo controllo,richiede e genera una forza neurologica enorme, senza il danno al tessuto connettivo causato dai pesi convenzionali. Quando si fa sollevamento pesi, per aumentare la produzione di forza bisogna aumentare il carico: quanto più questo è maggiore, tanto più lo è la compressione dannosa sul tessuto connettivo molle, sulle articolazioni e sulla colonna vertebrale. Il centro di gravità decentrato del Clubbell® costringe all’utilizzo di un carico inferiore, pur stimolando una produzione di forza superiore, senza però gli infortuni associati all’allenamento con i pesi convenzionale. Infatti, un manubrio o un bilanciere esercitano una spinta contro la struttura scheletrica, ad esempio contro le dita, mentre il Clubbell® esercita forza attraverso la presa, come una corda agitata intorno alla testa e trattenuta solo grazie alla forza muscolare, senza sostegno osteo-articolare. Solo la contrazione muscolare può trattenere il Clubbell®, mosso in maniera balistica. Slanciare un peso aumenta la torsione e aumentare la torsione incrementa la produzione di forza. L’allenamento con i Clubbell® produce incrementi esponenziali: muovere i Clubbell® due volte più velocemente produce una forza quattro volte maggiore. La trazione apre le articolazioni invece di comprimerle: motivo per cui si è messi in trazione per guarire, perché aumenta la forza del tessuto connettivo. Infine, e cosa più importante, l’allenamento convenzionale con i pesi può essere eseguito lungo due sole direttrici. Questo arco di movimento limitato serve a isolare determinati muscoli. Tuttavia, l’isolamento non esiste, è ormai noto da tempo. Il corpo è come una rete interconnessa: un sistema a due sacche. La “sacca interna” contiene le ossa e le cartilagini e il punto in cui aderisce all’osso si chiama periostio, mentre il punto dove avvolge l’articolazione si chiama capsula articolare. La “sacca esterna” contiene una gelatina elettrica, che chiamiamo muscolo, che a sua volta è ricoperto dalla fascia. I punti in cui la sacca esterna si attacca alla sacca interna si chiamano inserzioni. Così, le ossa e le articolazioni galleggiano in un mare di tensione continua e le nostre ossa agiscono come puntelli di compressione, che spingono verso l’esterno, mentre questa rete tira verso l’interno in un equilibrio particolare, chiamato biotensegrità. L’allenamento con i Clubbell® è triplanare, cioè si muove lungo i piani saggitale, trasverso e frontale. Muovendosi in modo triplanare, il Clubbell® rafforza le catene fasciali lungo il loro range di movimento completo. Ciò aumenta l’elasticità dei tessuti molli, invece di traumatizzarli come fanno i movimenti bidimensionali del sollevamento pesi convenzionale. Il movimento in tre dimensioni “inonda” le capsule articolari di nutrimenti e lubrificante, scioglie le aderenze fasciali, leviga le cartilagini (prevenendo l’artrosi) e muove le ossa (prevenendo l’osteoporosi).

I vantaggi di allenarsi con i Clubbell®
Lo sviluppo delle braccia, delle spalle, della parte alta della schiena e del petto di chi usa i Clubbell® è evidente. Tuttavia, l’aspetto più importante è che i Clubbell® sono costruiti appositamente per connettere la maggior produzione di forza di torsione al proprio core. Il Clubbell® è veramente un’estensione del braccio ed ogni movimento è un esercizio di attivazione del core ed è per questo che, chi usa i Clubbell®, ha addominali, obliqui e parte bassa della schiena incredibilmente forti. Inoltre, tutti gli esercizi coinvolgono tutto il corpo e ciò sviluppa glutei, posteriori delle cosce, quadricipiti e polpacci incredibilmente potenti grazie alla spinta delle gambe. A questo punto, diventa intuitivo quali e quanti vantaggi, l’allenamento fisico con i Clubbell® possa portare a chi per esigenze professionali o per pura volontà di benessere deve poter contare su una forma fisica, funzionale nel rispondere alle situazioni, che si presentano nella pratica sportiva o della vita quotidiana. Il Clubbell® è l’attrezzo originale studiato, costruito e utilizzato per allenare la forza rotazionale e angolare/diagonale dei muscoli, per allenare la forza della presa, dei polsi e degli avambracci e delle spalle.

Principi su cui si basa il Clubbel®
In che modo le clave migliorano la condizione fisica funzionale nella pratica sportiva?

– Principio del pendolo. Nel caso dei Clubbell®, la presa è all’estremità di una estensione attaccata a un centro di gravità più pesante, che si muove in relazione al punto fisso della presa, come un pendolo che ondeggia. La leva e la forza cambiano costantemente posizione, distribuendo e richiedendo forza di trazione lungo tutto l’arco di movimento, che crea resistenza e stressa i muscoli da angoli diversi. Ciò dà all’esercizio un effetto dinamico totalmente diverso, impossibile da ottenere con qualsiasi altro attrezzo. Questo principio del pendolo, usato per secoli ma andato perduto con l’allenamento convenzionale, è rinato grazie ai Clubbell®.

– Presa regolabile per microcarico. I Clubbell® sono perfetti per l’incremento progressivo. La forma speciale dell’impugnatura permette piccoli incrementi di carico, senza mai sovraccaricare i muscoli ma mettendoli sempre alla prova. La presa regolabile per il microcarico è una caratteristica speciale che favorisce il progresso costante e i guadagni di forza. Nessun altro attrezzo ha questa versatilità!

– Effetto da allenamento complesso. Una routine in combinazione è una serie di due o più esercizi di base, legati in sequenza, dopo aver appreso ogni movimento fondamentale. Le routine in combinazione mischiano forza e velocità/potenza nello stesso allenamento, con l’alternarsi di un esercizio pesante, seguito da un esercizio simile ma balistico o viceversa. L’esecuzione di una combinazione stimola il sistema neuromuscolare insegnandogli ad attivarsi a un ritmo più rapido. Sviluppa contemporaneamente la forza, la velocità e la tecnica. Ciò fa sì che le routine in combinazione siano utilizzate in modo ideale per migliorare la preparazione fisica specifica per esigenze operative.

– Forza e tenuta della presa. Fra le caratteristiche più specifiche della preparazione fisica di alcuni sport c’è l’esigenza di far uso di diversi “attrezzi” – racchetta, mazza (da golf, da baseball…), manubrio (motociclismo, motocross, ciclismo), bastoni e sbarre (ginnastica attrezzistica, sci d’acqua, sci alpino) – con una compromissione diretta della forza e della tenuta del grip, per la miglior espressione del gesto tecnico e della performance generale. Tuttavia, gran parte dei programmi per la forza sottovaluta la forza delle mani, dei polsi e degli avambracci. Senza contare che recenti studi medici hanno dimostrato che una forza carente della presa nella mezza età è indice di disabilità in età avanzata.

– Forza lungo l’arco di movimento estremo. Per prevenire gli infortuni e utilizzare range di movimento estremi, gli atleti devono allenarsi leggermente “oltre” l’arco e la profondità di movimento “attesi”. Il Clubbell® allena ogni parte muscolare e articolare oltre l’arco e la profondità dei movimenti normali e, quando questi si ampliano improvvisamente, una “valvola di sicurezza” previene gli infortuni e ripristina la capacità di lavoro tradizionale senza interferire con la prestazione.

– Sinergia delle spalle. La spalla è l’articolazione più mobile del corpo umano. Sfortunatamente, però, la grande mobilità compromette la stabilità. Si tratta di un gruppo complesso di strutture che lavorano insieme per permettere i movimenti necessari a quasi tutte le attività pratiche. Gli infortuni possono verificarsi se si sovraccaricano troppo i movimenti, spesso causando strappi nella cuffia dei rotatori. Il Clubbell® incrementa la tenuta della struttura muscolo-tendinea, libera l’articolazione dalle calcificazioni procurate dall’usura (pensate banalmente allo stress procurato dal calcio dell’arma spallata sia in trasporto, sia in condizione di fuoco) e rilascia le tensioni, che ne limitano la mobilità in tutte le direttrici.

– Prevenzione e riabilitazione degli infortuni. Le attività che necessitano di grandi impieghi di forza, ai quali non segue un periodo di recupero sufficiente, possono causare o aggravare traumi cumulativi a carico dei tessuti molli, del sistema muscolo scheletrico e di quello nervoso periferico. I disturbi descritti e diagnosticati più comunemente sono l’impuntamento della cuffia dei rotatori, l’epicondilite del gomito e la sindrome del tunnel carpale. Il Circular Strength Training® e l’utilizzo del Clubbell® in particolare può essere un metodo conservativo di prevenzione dagli infortuni per le persone a rischio e anche uno strumento importante di riabilitazione per quelli che già soffrono di questi infortuni comuni correlati alla loro attività operativa.

Gianluca Favro

Commenta con Facebook

Commenti