Se ogni uomo avesse un complesso definito di regole di condotta secondo cui regolare la propria esistenza, non sarebbe meglio di una macchina? Ma non esistono tali regole,...

Se ogni uomo avesse un complesso definito di regole di condotta secondo cui regolare la propria esistenza, non sarebbe meglio di una macchina? Ma non esistono tali regole, e dunque gli uomini non possono essere macchine. A. Turing

In un periodo storico dove ogni tipo di informazione subisce ipertrofie e restringimenti, trovare il corretto sentiero dell’interpretazione può risultare un’ardua impresa. Nel marasma di qualifiche diversificate e multiformi spesso è complesso de-finire “chi fa cosa”.

Per quanto concerne la prospettiva del dimagrimento, le differenti tipologie di professionisti che lo trattano si distinguono soprattutto per il percorso di studi intrapreso, nonché il modus operandi adottato.

Analizziamoli nelle loro differenti peculiarità.

Il Dietologo

Il DIETOLOGO è un laureato in medicina che fa diagnosi e prescrive diete e può avvalersi di una terapia farmacologica e/o intervenire nella natura obesogena del proprio paziente richiedendo esami specifici, come quelli ematici (glicemia, ormoni tiroidei, ecc.) o che riguardano allergie alimentari.

Si rivolge al dietologo sia colui che vuole semplicemente dimagrire, sia chi ha difficoltà a ridurre il proprio peso per la presenza di un caratteristico quadro clinico (disturbi del comportamento alimentare, diabete, anemia, ecc.).

Il Nutrizionista

Il NUTRIZIONISTA (qualifica che può essere impiegata anche da un medico) è un laureato in biologia, che può strutturare diete ma non avvalersi delle competenze del dietologo (come, ad esempio, la prescrizione di farmaci o la diagnosi); può anche strutturare programmi alimentari per particolari condizioni patologiche.

Il Dietista

Il DIETISTA, attraverso il conseguimento di una laurea triennale, elabora e attua le diete strutturate dal medico e dal nutrizionista.

Di cosa si occupa il Diet Coach?

È corretto calcolare a livello biochimico un alimento interfacciandosi con la sua prospettiva calorica o ormonale ma, risulta indispensabile, soprattutto al giorno d’oggi, dar credito alla figura del DIET COACH – depurato da tutte le componenti speculative e commerciali – che possa controllare e gestire efficacemente nel proprio cliente aspetti non presi in considerazione dalle citate professioni e specializzazioni, come quelli emotivi, di personalità, ambientali e via dicendo.

dieat-coach-2Il “cancro” (come possiamo arrischiarci a definirlo) delle diete è in riferimento proprio a quanto appena scritto. In altri termini è assolutamente vero che la mancanza di un riferimento scientificamente qualificato può far cadere l’operatore del coaching nel baratro della speculazione, del fraintendimento e dell’incapacità di affidarsi a professionisti qualificati nel momento in cui la problematica in oggetto merita un riscontro medico-specialistico, ma la prospettiva univoca che vede la realtà del cliente in un paradiso terrestre senza “mele” e tentazioni può risultare nel lungo periodo controproducente (proprio in questo contesto prende significato la citazione iniziale di Alan Turing).

Le diete odierne, di forte impostazione biologica, non fanno altro che trattare il nostro corpo come una macchina (cambio olio o rifornimento di benzina alla stregua della corretta distribuzione di macronutrienti nell’alimentazione). Gli studi di follow-up a lungo termine sul trattamento dell’obesità indicano come il 90-95% di coloro che perdono peso, indipendentemente dalla dieta intrapresa, lo riacquistano entro pochi anni (Garner, Wooley, 1991), a volte anche con gli interessi (Sarlio-Lahteenkorva S., Rissanen A., Kaprio J., 2000). Questo è indice non solo di un fallimento dal punto di vista comportamentale (ad un certo punto subentra l’incapacità di seguire le indicazioni alimentari), ma anche una continua generazione e ripetizione di schemi mentali dovuti all’oscillazione perenne del proprio peso corporeo (effetto yo-yo).

Così che, tra spalle in abbandono, collo rilassato, addominali in piena libertà e respiro da armistizio di pace, ci si arrende alle possibilità di provare nuovi approcci dimagranti.

Si perde la guerra col sovrappeso: la mente smette di pensare all’estetica e alla possibilità di un nuovo programma dimagrante che con il suo impianto “artificiale” violenta il perpetuo scorrere della vita (senso di impotenza appresa).

Lo sguardo è sguinzagliato in cibi proibiti portatori di un momentaneo appagamento
e di una illusiva quiete mentale.

I chili aumentano.

Comfort Eating

Oggigiorno, più che mai, si ingrassa per soddisfare bisogni emotivi (comfort eating), per sedare nervosismo, rabbia, ansia, noia, ecc.; abitudini alimentari scorrette che ci portano a divorare, e non più gustare, il cibo, fin troppo accessibile, oltre che più calorico rispetto al passato.

Basti guardare le nuove generazioni: non si riesce a tenere il conto dei giocattoli, né tantomeno il controllo alimentare divorato nei vizi, nell’ansia e nella preoccupazione materna; la bravura nei videogiochi e nell’utilizzo dei telefonini sono il frutto di tante corse all’aria aperta perdute e del tempo sottratto al rituale del nutrimento.

Nell’egoismo tecnologico si nasconde anche quella variabile che contribuisce alla nostra instabilità estetica: l’individuo a circuito chiuso (proiettato a computer, cellulari e videogiochi) è intrappolato in un riciclo di attività monotone e cognitivamente pressanti che lo rendono insicuro a livello emotivo e nella percezione di tutti quei processi che scandiscono il corretto nutrimento.

Le competenze del Diet Coach

La figura del DIET COACH viene spesso classificata come una nuova emergente figura professionale che aiuta nel percorso di dimagrimento e consolidamento di nuove abitudini alimentari. A volte si afferma che non sia uno psicologo, non un dietologo né un nutrizionista; altre volte un contrario.

La personale interpretazione vede lo psicologo che intraprende un percorso di studi finalizzato all’approfondimento della natura delle abitudini o allo studio dei risvolti individuali (personalità e temperamento, educazione gustativa, componente emotiva e via dicendo) o sociali (come le pressioni ambientali) connessi all’origine e all’evoluzione del sovrappeso o dell’obesità.

In quest’ottica, il diet coach è una persona con competenze specifiche, una formazione di coaching in psicologia, capace di agire sull’architettura motivazionale del proprio cliente tramite il controllo delle modalità di consumazione dei cibi (lento, veloce, in presenza di distrattori, ecc.); la chiara pianificazione dei propri obiettivi; la modifica di abitudini che predispongono all’eccesso ponderale; la gestione di ciò che si immagina o visualizza, anestetizzando i pensieri negativi, come quelli che generano colazioni condite di perverse riflessioni-inizio-giornata; la gestione dello stress mediante tecniche di rilassamento, come il training autogeno e, non ultimi, i preziosi consigli alimentari.

Può dare indicazioni sul “come” e cosa mangiare, affrontando insieme al cliente i momenti difficili, la sfida del peso che non scende, la visione globale che si ha di sé stessi; supporta ogni qual volta il cliente sente il bisogno: una voce esperta per mantenere il focus sul risultato e non sul fallimento.

Commenta con Facebook

Commenti


Join the Conversation