“Nuove opportunità per la gestione dei centri sportivi a seguito della nuova proposta di legge per lo sport e soluzioni a seguito dei rilievi da parte dell’Amministrazione Finanziaria”

Il convegno organizzato dallo Studio Cassinis, che si è tenuto a Milano il 16 dicembre scorso, dal titolo “Nuove opportunità per la gestione dei centri sportivi a seguito della nuova proposta di legge per lo sport e soluzioni a seguito dei rilievi da parte dell’Amministrazione Finanziaria”, è stato un successo.
Grazie a tutti coloro che hanno partecipato attivi e numerosi!

Introdotti dal Dott. Dario Ricci, Giornalista di Radio 24 simpatico ed arguto, i Relatori hanno portato tutta la loro competenza ed intrattenuto i presenti, oltre cento imprenditori, proprietari di centri fitness arrivati a Milano da tutta Italia.
Il nostro Fondatore Dott. Corrado Cassinis ci ha raccontato il suo rapporto professionale e personale con lo sport ed io, a seguire, ho illustrato il decalogo fiscale che ASD e SSD devono seguire ad oggi.
La situazione legislativa è pressoché immutata in Italia dal 2002, ad eccezione della novità introdotta in Finanziaria 2017, che ha innalzato il tetto per i ricavi delle attività commerciali di ASD e SSD a 400.000 euro.
Per fortuna ci sono soggetti pronti a portare innovazione e a tutelare gli operatori del settore.

Investire nel Welfare

Prendersi cura del settore sportivo è migliorare la salute della popolazione tutta: è una questione di welfare. Il Dott. Angelo Desidera ci ha esposto in particolare due progetti che EuropeActive sta portando avanti – ACIS2, che permette ai proprietari di centri fitness di ospitare un’ora settimanale di educazione fisica (scolastica), ed EREPS, che formalizza il Registro Certificazioni Europee degli Istruttori, controllando la loro professionalità e la qualità dell’offerta ai frequentatori di centri sportivi.

ANIF Eurowellness, associazione di categoria, supporta la Proposta dell’On. Daniela Sbrollini: il suo Presidente Giampaolo Duregon ci ha ricordato di aderire alla raccolta firme per sostenere fortemente questo progetto di legge.
Proprio l’Onorevole Sbrollini, che ringrazio ancora per essere stata con noi dimostrando la sua energia e la sua passione per il settore wellness, ci ha ricordato che 1 euro investito in sport equivale a 3 euro risparmiati in Sanità.

Nuove tutele

In questo contesto, anche l’Agenzia delle Entrate non deve porsi soltanto come Ente riscossore, ma “pareggiare la partita” con gli Operatori, come ha sintetizzato in modo chiaro e competente l’ex funzionario Alessandro Campanaro.
Qualora, tuttavia, si instaurassero dei contenziosi, professionisti come l’Avv. Angela Raso, collaboratrice dello Studio Cassinis, sono competenti e disponibili a tutelare gli Operatori.

Spero, quindi, davvero che il 2017 sarà un anno di grandi novità per il settore Sport in Italia!

Dott.ssa Beatrice Masserini
Partner in charge dello Studio Cassinis, esperta in diritto societario delle società sportive

Commenta con Facebook

Commenti