EDITORIALE N 47  – LUGLIO/AGOSTO 2013

Appare sempre più evidente come nelle nostre abitudini quotidiane tutto sia diventato personalizzabile o comunque modulabile sulle singole esigenze. Le offerte standard vengono arricchite di accessori o dettagli che ognuno di noi può scegliere in base ai propri gusti o agli obbiettivi da raggiungere. La stessa tendenza si riscontra nel mondo del fitness.
Ogni club e palestra prevede corsi e attività che rispondono a particolari categorie di utenti, perché l’allenamento non può essere uguale per tutti.
Ecco così che i piccoli attrezzi diventano gli strumenti in grado di soddisfare esigenze specifiche e varie, permettendo di adeguare il tipo di workout alla tipologia di clientela. Un fenomeno che abbiamo meglio analizzato con i diretti protagonisti, ovvero le aziende che producono e distribuiscono tali attrezzature, che ci hanno spiegato come e perché inserire i cosiddetti “piccoli attrezzi” all’interno della propria struttura e ottenere consensi dai soci.
Personalizzazione è la parola chiave anche di chi si occupa di gestione nel mondo del fitness. L’articolo di Gianluca Scazzosi ci aiuta a comprendere, da un punto di vista imprenditoriale, quanto sia strategico fornire servizi su misura. Mettere da parte i modelli di abbonamento a cui siamo stati abituati per tanto tempo è fondamentale per essere competitivi e al passo con le richieste del mercato. Offerte “su misura” sono anche quelle proposte da Sportboom, il primo motore di ricerca di impianti e attività sportive in Italia che permette, con pochi click, di trovare la struttura sportiva e praticare lo sport che si desidera. Persino un braccialetto può fornire indicazioni ad hoc e utili per chi le indossa, purché sia tecnologico e innovativo. Leggete il focus dedicato ad Up di Jawbone per scoprire come sia possibile. Con Carmine Preziosi si parla invece di marketing esperienziale via web, per capire come far vivere emozioni agli utenti attraverso la rete e catturare i loro consensi. I canali di comunicazione devono parlare nel modo più immediato possibile, e grazie alle tecnologie possiamo proporre dei tour virtuali ai potenziali soci. In questo numero abbiamo inoltre avviato una collaborazione con due professionisti altamente qualificati nel ramo riabilitativo/posturale, Priamo Mura e Caterina Buonomini, che hanno approfondito il ruolo del bite per gli sportivi.
Dal prossimo numero potrete rivolgergli le vostre domande e trovare le risposte nella nostra rivista. Un numero de LA PALESTRA ricco e stimolante, a dimostrazione che la pausa estiva nel fitness è solo apparente… in realtà c’è una tribù che si muove e lavora anche con il caldo!

Veronica Telleschi

Commenta con Facebook

Commenti