Benvenuti a questa nuova rubrica de La Palestra che vuole mostrare modalità, strumenti, trucchi e piccoli segreti del web marketing, da usare subito (anche da soli) per sfruttare al meglio una risorsa da cui non si può prescindere.

Avviso ai naviganti: molti dei link che proporrò d’ora in poi porteranno a pagine web in inglese (d’altronde, è questa la lingua madre del web marketing); tradurre e capire, anche solo con Google Translator, è una piccola/grande fatica, ma una volta fatto sarete miglia e miglia più avanti del vostro miglior competitor!

Cominciamo con Facebook

Non basta “essere su Facebook” per avere successo e creare coinvolgimento verso il proprio brand: bisogna anche sapere come starci. Innanzitutto: va usata una fanpage e non un profilo personale; se stai ancora usando un profilo, puoi migrare a fanpage, dopo aver fatto il login su Facebook, semplicemente accedendo a questo indirizzo web: https://www.facebook.com/pages/create.php?migrate e seguendo le semplici istruzioni seguenti. Nella nuova pagina ritroverai i tuoi “amici” come “fans”, ma perderai tutti i post e le foto caricate in precedenza (che però puoi scaricare in un apposito file da riutilizzare in seguito).

Scrivere post a caso, una volta ogni tanto, e del tutto autoreferenziali (il corso di Zumba è annullato, il trainer Mario oggi fa una lezione speciale, e così via) non serve a nulla. Attualmente in media i post “organici” (cioè, non a pagamento) vengono visti, quando va bene, solo dal 10% dei fans, per cui lo sforzo che devi fare, se non vuoi pagare, è quello di trovare argomenti interessanti per il target. Ma chi è questo target? Da chi è composto?

Uno dei trucchi dei guru del marketing è quello di immaginare il “target” come se fosse una persona in carne e ossa: sarà più facile, così, parlargli online. Per creare un identikit, bisogna immaginarne il sesso, l’età, il luogo in cui vive, la famiglia, il lavoro, i guadagni; i sogni, i progetti, le aspirazioni; come e quando usa il web, di cosa parla, cosa cerca; quali sono i suoi bisogni, cosa lo spinge a agire, perché si avvicina al fitness, cosa ne vuole ricavare. Alla fine di tutto ciò, dagli un nome, cerca nel web una foto che potrebbe assomigliare a questo interlocutore immaginario di cui conosci quasi tutto, stampala e mettila in ufficio, o dietro la reception: quel Giovanni, quella Maria, è il tuo obiettivo primario.

Poi: crea un calendario editoriale (magari usando Google Calendar, un’applicazione molto utile) che ti aiuti a stabilire, giorno per giorno, cosa pubblicare sulla tua fan page.

Sono molto interessanti i link a pagine che rispondono a bisogni del target. Come trovarli? Per esempio inserendo parole chiave sul sito http://www.talkwalker.com/alerts che sta sempre più sostituendo Google Alert (che è meno incisivo e sempre più influenzato dalla pubblicità).
E come ricordarsi di usarli? Un piccolo trucco: conosci Evernote (www.evernote.com)? E’ un software (in italiano!) che consente di scrivere notazioni e appunti e catalogarle secondo tag mirate, che ci permette di ritrovarle facilmente quando sono utili all’uso. Inoltre, possono essere sincronizzate con tutti i dispositivi su cui abbiamo installato il software (per cui, potremo usarle con pc, ipad o smartphone, quando vogliamo).

Infine: l’uso delle foto è fondamentale in un post di Facebook, per farsi notare e quindi leggere. Però sii originale (niente gattini o frasi stupide) e stai attento a non violare diritti di utilizzo. Ecco una piccola dritta: www.gratisography.com un sito pieno di foto molto belle, di vario genere, del tutto libere da copyright, da cui potrai attingere per impreziosire la tua fan page,
e renderla diversa da quella di tutti i tuoi competitor.

AVVERTENZA – I contenuti degli articoli di questo sito non hanno valore prescrittivo, ma solo informativo e culturale. Tutti i nostri consigli e suggerimenti vanno sempre sottoposti all’approvazione del proprio medico.

NOTA INFORMATIVA INTEGRATORI ALIMENTARI – Leggere attentamente l’etichetta apposta sul prodotto. In caso di uso prolungato (oltre 6-8 settimane) è necessario il parere del medico. Il prodotto è controindicato nei casi di patologia epatica, renale, in gravidanza e al di sotto dei 12 anni. Gli integratori non sono da intendersi come sostituti di una dieta variata. Non superare la dose consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni di età.

NOTA SUL COPYRIGHT. Tutti gli articoli pubblicati nel sito sono di proprietà di Api Editrici e sono protetti dal diritto d’autore. Sarà perseguita ogni riproduzione non autorizzata.

Commenta con Facebook

Commenti