203

Una buona manutenzione e un’accurata gestione tecnica della nostra attrezzatura è il modo migliore per prevenire guasti e non avere sorprese.

A cura di Glauco Grassi www.fullsport.it

Dopo anni di sostanziale indifferenza abbiamo pensato di dare spazio e riconoscere valore all’Assistenza Tecnica, un aspetto considerato d’importanza minore nell’ambito delle innumerevoli esigenze del fitness management. Ammettiamolo, tra le tante cose affascinanti del fitness, l’assistenza tecnica rischia di essere l’aspetto scomodo, quello con cui ci si sporca le mani senza contare che, quando si parla d’intervento tecnico, il pensiero va immediatamente al… quanto mi costerà? Sarò ancora in garanzia? A chi mi rivolgo che sappia intervenire in tempi brevi, a costi accettabili e con le necessarie garanzie per il prodotto e per i suoi utilizzatori?


Rispondere e prevenire certe comprensibili domande è un po’ lo scopo di questo spazio, che dedichiamo sia a chi ha la chiara percezione che una buona manutenzione dei propri attrezzi rappresenti un plus per il proprio fitness club sia a chi, per innumerevoli motivi, ha spesso legato il concetto di assistenza tecnica all’emergenza, alla soluzione di problemi insorti, di guasti e di fermi macchina in corso.

A volte gli esempi, fuor di metafora, sono il modo migliore per rendere alcuni concetti:
Pronto… sono la palestra Tal dei Tali, si è strappato il nastro del mio tapis roulant (data d’acquisto 1999), ho bisogno urgentemente di sostituirlo; potete venire domani che altrimenti i clienti si lamentano?
Vi sembra una richiesta o una situazione surreale? Non lo è affatto! È molto ricorrente, e ovviamente pochi si riconoscono in questa immagine – d’accordo un po’ accentuata – che raffigura in un certo senso il tipo d’approccio più comune al problema della tutela e della prevenzione in materia di attrezzature per il fitness.

Buongiorno… le ho portato la mia auto “Mega Brand” perché il motore si surriscalda e perde di potenza, ho già fatto 99.000km senza alcun problema, mai toccata, sempre al massimo dei giri… me la guarda un attimo che ho fretta, è ancora in garanzia vero? Ve la sentireste di affrontare il centro assistenza del vostro concessionario con queste richieste? Credo di no! Anche perché ci hanno educati a ricordarci che – con tutte le garanzie del caso – anche noi dobbiamo fare la nostra parte: i tagliandi regolari, il cambio olio, freni, pneumatici, alle date convenute (km più km meno). Viene da chiedersi, in alcuni casi, perché l’auto Sì e gli attrezzi del nostro business Ni?
La risposta è proprio nella premessa: è una questione di “cultura” o di In-Formazione.

Aprire il coperchio di un treadmill e trovarci l’occorrente, in polvere e residui, per farci il nido di un roditore, vi assicuro che è più ricorrente di quanto lo si voglia ammettere, e questo è un problema sia per l’attrezzo sia per chi ne deve garantire efficienza, sicurezza e durata. Forse i titolari e i fitness manager non sanno queste cose? Assolutamente no! Tutti sappiamo che una buona manutenzione e un’accurata gestione tecnica della nostra attrezzatura è il modo migliore per prevenire guasti e non avere sorprese. La verità è che a volte ce ne dimentichiamo o collochiamo questo aspetto tra le cose: “da fare dopo”, dopo altre considerate più importanti o più contingenti.

Partendo da qui, cercando di dire professionalmente cose concrete e utili, iniziamo un excursus sull’assistenza tecnica, per renderla più vicina e apprezzabile nella sua essenza; con le attenzioni che occorre avere per evitare spiacevoli sorprese su costi e tempi d’intervento, distinguere improvvisati tecnici tuttofare, gestire il parco attrezzi, utilizzare al meglio il manuale delle manutenzioni, mantenere il valore e aumentare la vita degli attrezzi, evitare assistenze ripetitive e onerose, misurare e contenere i costi energetici, garantire gli interventi per la salvaguardia stessa dei soci utenti, formare personale interno per le manutenzioni e gli interventi di primo livello, adottare procedure per fruire delle estensioni di garanzia, valorizzare e vendere il proprio usato, e: perché no?, scegliere, anche con il conforto di tecnici esperti. Aiutare il Fitness management a mantenere le attrezzature efficienti, con attenzione alla sicurezza, alla funzionalità, alla conservazione del valore e al contenimento dei costi d’esercizio, sarà la nuova sfida, che insieme faremo in modo di vincere.

Commenta con Facebook

Commenti