278

Come incoraggiare le persone sedentarie, soprattutto quelle che lavorano tante ore fuori casa, a essere più attive durante il giorno?

La catena di club fitness londinese David Lloyd Clubs ha trovato un modo simpatico e originale di rispondere a questa esigenza, aprendo per tre giorni (dall’11 al 13 gennaio) il primo bar al mondo che offre una modalità diversa di acquisto: il cibo consumato si paga attraverso l’esercizio fisico.

Il Run For Your Bun è un caffè unico nel suo genere, in cui i clienti possono avere gratuitamente il loro pranzo in cambio di una breve sessione di allenamento da svolgere direttamente sul posto.

Per consumare la propria porzione di pasto gratis basta praticare sei minuti di attività fisica, e la formula “minima” è la seguente:

  • un minuto di rowing machine
  • un minuto di bike
  • un minuto di tapis roulant
  • un minuto di squat
  • un minuto di affondi
  • un minuto di sit-ups
  • 30 secondi di pausa tra un esercizio e l’altro.

Run Your Bun palestraLa ricompensa culinaria prevede diverse opzioni di menu, tra cui toast a base di avocado, cous cous, hamburger alla griglia di petto di pollo, salmone grigliato ecc.

Guarda il video dimostrativo

Secondo le ricerche condotte da David Lloyd Clubs, la maggior parte dei lavoratori inglesi trascorre il 90% della propria giornata lavorativa stando seduta (sette ore su otto). Ciò significa che, in un anno lavorativo, quasi 66 giorni sono spesi senza fare alcun movimento e, dato ancora più allarmante, un terzo di coloro che fanno lavori da ufficio, mangiano il loro pranzo seduti alla scrivania.

Con l’iniziativa promozionale del caffè Run For Your Bun, il brand David Lloyd Clubs ha voluto evidenziare l’importanza dell’esercizio fisico e di una dieta equilibrata nella vita delle persone. Quello della sedentarietà è un problema aggravato dalla grande popolarità e convenienza dei servizi di consegna del cibo a domicilio, molti dei quali consentono di effettuare i propri ordini con una semplice app. Ma così facendo non ci si muove più neanche in pausa pranzo!

Per maggiori informazioni, visita il sito www.davidlloyd.co.uk

 

 

Commenta con Facebook

Commenti