Scopri i 4 errori che impediscono al tuo marketing di generare nuovi iscritti in palestra

Quante volte hai creato una campagna pubblicitaria, poster, volantini, sponsorizzate su Facebook ma non hai ottenuto i risultati sperati?

 

Prima che tu decida di non fare più azioni nel tuo futuro per acquisire nuova clientela per la tua palestra, verifica se anche tu hai fatto questi errori.
Sbagliare approccio nella strategia che porta a come trovare nuovi clienti è un errore comune e con quello che si sente in giro diventa davvero facile sbagliare.
E’ capitato anche a me più volte nel corso degli anni di commettere sbagli e ancora oggi devo trattenermi per evitare di fare errori da dilettante. Ora ti spiego perché.

Emanuele Pianelli

Esistono 4 falsi miti che hanno il potere di farti perdere la strada maestra per il successo:

Iniziamo col primo:

Farsi conoscere

Anche se in contro tendenza rispetto a ciò che molti dicono, farsi conoscere ai giorni nostri è del tutto irrilevante, basta un semplice click per essere alla portata di tutti. Un tempo poteva anche aver senso, nei primi anni ottanta arrivava d’oltreoceano la moda del fitness e bastava semplicemente aprire per avere successo e bastava far sapere che esistevi per diventare ricco.
Non serviva fare marketing, bastava aver coraggio, aprire un centro, attrezzarlo e tirar fuori dei volantini e il gioco era fatto.
Prova a farlo adesso, oggi è praticamente impossibile. La strategia del farsi conoscere non genera più alcun risultato.

Essere “creativi”

Non che la creatività in generale sia un problema, ma sforzarsi nel voler catturare l’attenzione di qualcuno con qualcosa di simpatico serve a poco se poi non riusciamo a vendere.

Ma l’errore porta sempre al precedente, a cosa serve attirare l’attenzione se poi ci limitiamo semplicemente a dire che esistiamo, che abbiamo un tot di macchinari e un tot di lezioni? Insomma, non stiamo dando nessuna vera ragione ai potenziali clienti per comprare da noi o chiedere di parlare con un nostro commerciale.
Se vuoi ottenere questo effetto, devi diventare un vero esperto di marketing, non un creativo.

Diventare “Virale”

Ecco, questo è un mito che distribuisce chiunque si occupi di social media, in realtà tutto riporta essenzialmente sempre al punto numero 1.

Infatti, anche se un tuo post o video dovesse raggiungere un numero significativo di gente, ma il tuo marketing non è strutturato per vendere, otterrai semplicemente l’effetto di essere conosciuto. So quanto questo sia eccitante, ma in termini economici conta veramente poco.

Ricevere visite, like, condivisioni ecc…

Arrivato a questo punto saprai già di cosa parlo, in realtà questo quarto punto riassume ancora una volta lo stesso concetto da una prospettiva che spesso viene venduta e divulgata come parametro per verificare il successo di un’azienda. Tradotto, più like hai, meglio andranno le cose. Peccato che con i like non ci paghi nulla, noi abbiamo bisogno di fare allenare le persone, e soddisferemo questa esigenza vendendo un abbonamento.
Ho avuto modo di intervistare Francesco Agostinis, massimo esperto in Facebook Ads, e alla domanda: Che valore hanno i like, ha risposto con un fantastico zero, specificando: “Emanuele io preferisco i soldi e non i like”.

Questo per dirti che i like hanno poca influenza sul risultato che noi dovremmo ottenere con le nostre campagne di marketing.

A prescindere dagli strumenti, le piattaforme o i canali che deciderai di utilizzare, lo scopo del marketing non sarà unicamente quello di farti conoscere, bensì quella di spiegare ai potenziali clienti perché dovrebbero allenarsi da me e non da uno dei miei (tanti) concorrenti.
Piuttosto che rimanere sul divano e non allenarsi completamente.
Ecco questo è l’unico, semplice e vincente modo di fare marketing.

Non sei ancora iscritto al nostro gruppo Facebook? Iscriviti gratuitamente seguendo titolarefelice.com/gruppo.
Troverai ogni giorno nuovi contenuti sul Marketing e la gestione di un centro fitness
per raggiungere un conto conto corrente pieno ed ore libere.

Emanuele Pianelli

www.titolarefelice.com

Facebook Comments

In this article