642

Come sfruttare gli sponsor e stimolarli a collaborare con il settore delle palestre

Sin dal 1988 si dice che il settore del fitness e del wellness può essere un’ottima opportunità per gli sponsor. Luoghi dove girano tante persone, un pubblico eterogeneo di tutte le età e ceti sociali, location con ampi spazi, sono appetibili per i brand. Dall’abbigliamento alle bevande, dagli attrezzi agli integratori e ai prodotti per la cura del corpo, sono tutti prodotti che possono sfruttare il mondo del fitness per promuovere i loro marchi. Per ripetere un concetto che oramai sta veramente annoiando, la crisi ha fatto sì che venissero tagliati tutti i budget e, ovviamente, anche quelli dedicati alle iniziative di marketing. Detto questo, però, il mondo del fitness resta comunque appetibile per le iniziative di marketing di aziende legate al settore benessere. Proprio perché i budget sono stati ridotti, è necessario valutare e stimolare le aziende con iniziative che possano essere proficue per entrambi gli attori. Il centro deve capitalizzare il più possibile l’iniziativa e l’azienda deve poterne trarre il maggior profitto in termini di redemption (ritorno) e di immagine e comunicazione.
Mi è capitato di essere contattato da un’azienda di bevande per ipotizzare un’iniziativa di marketing per dare spinta all’immagine della bevanda, puntando al mondo del fitness, e di trovarmi a riflettere su questo punto. Valutiamo quindi ciò che è meglio per entrambi gli interessati in un’iniziativa di sponsorizzazione.

Lo Sponsor
Per lo sponsor, l’obiettivo in un’iniziativa del genere è quello di amplificare e veicolare al massimo il marchio in modo da far parlare di sé il più possibile. Immagine e comunicazione passano attraverso la possibilità di imporre durante l’evento il proprio logo e di comunicare informazioni e slogan che rafforzino il prodotto. Le iniziative organizzate possono essere eventi di coinvolgimento all’interno del centro tali da abbinare le attività del centro stesso al prodotto. Estetica, sport e salute sono i temi che abbracciano lo sponsor interessato, per cui lo sponsor deve abbinare il prodotto da promuovere a questi temi.
L’azienda sponsorizzatrice può valutare se è il caso di spingere il suo prodotto attraverso un evento (che può durare al massimo un week-end), o con una sua presenza più continuativa ma meno invasiva (la presenza di un corner) o entrambe le cose. Ovviamente tutto dipende dal budget previsto. È bene che sappia, però, che senza l’abbinamento di un evento, è più difficile impattare sul pubblico. Si vive in un mondo di iniziative costanti di marketing, un semplice corner di distribuzione di samples (campioncini) con le solite due belle ragazze trovano nel pubblico oramai una certa freddezza, se non nell’utilizzare il campioncino egoisticamente. Questo può alla fine risultare un maggior costo di materiale con un ritorno abbastanza basso di immagine e di comunicazione. Abbinare invece il prodotto sponsor ad un evento trova maggior impatto e più interesse da parte del pubblico. Il costo è maggiore, ma può dare un miglior ritorno.

Il Centro
Per il centro invece gli obiettivi sono:

1. arricchire la vita dei suoi frequentatori

2. migliorare la sua immagine che, abbinata ad uno sponsor, è più autorevole

3. fare un pochino di cassa.

In quest’ordine.

Attenzione!!! Non è il contrario. Il titolare del centro non deve pensare di arricchirsi con l’affitto della location! Mi è capitato di sentire dei titolari chiedere degli affitti spropositati per degli angoletti della loro reception, motivato per altro con il fatto che lo sponsor ha bisogno di loro. Questa è una visione arrogante e limitata. Il titolare deve valutare lo sponsor in funzione di che cosa può sfruttare per divertire i suoi clienti, cosa offrirgli in una giornata di sponsor e come far emergere il più possibile il logo e l’immagine del centro. Dopo, successivamente, può monetizzare lo spazio che offre per ripagarsi lo sforzo della giornata che organizza.

Una collaborazione vincente
Giochi, gare di cardio e pesi, gare di nuoto, un abbinamento tra le varie discipline per arrivare ad una specie di gara di triathlon, sono manifestazioni divertenti che possono dare un buon ritorno di immagine e commerciale al centro. Abbinare durante la giornata un prezzo promozionale per chi si iscrive quel giorno e magari regalando il prodotto sponsor, torna molto utile a centro e sponsor. Ecco che il costo dello sponsor può essere il costo del personale coinvolto nell’evento e di eventuale energia consumata. In questo modo lo sponsor potrà trovare piacere a ritornare per altre manifestazioni, in caso contrario il centro rischia di bruciare la sua immagine e di perdere nuove eventuali opportunità. Iniziative di marketing di questo tipo poi sono anche un’occasione per stimolare il titolare a migliorare la sua struttura. Rimettere a posto ciò che è rotto, ripulire e rinfrescare pavimenti e muri e riordinare reception e personale, assicurarsi del buon funzionamento di docce e bagni. Lo sponsor deve essere uno stimolo a tutto ciò. Tale impegno non deve poi essere motivo di richiesta di rimborso, come se lo sponsor fosse responsabile dei problemi strutturali del centro. Lo staff della palestra deve essere disponibile e stimolato a proporsi agli sponsor per migliorare la vita stessa del centro, tra l’altro è anche un’occasione per movimentare la vita dei soci e del personale che, dopo un po’, può diventare noiosa. Deve essere il centro a fare la parte più importante in un eventuale incontro con gli sponsor, i quali spesso conoscono poco la realtà, hanno budget ridotti e poca fantasia. L’account dell’azienda sponsorizzatrice ha in testa un solo obiettivo: ottenere il massimo con il minimo della spesa e perciò si presenterà sempre con le solite idee come il corner, la distribuzione di samples e le belle ragazze immagine. Invece lo staff di un centro può proporsi in iniziative molto più divertenti ed incisive, e con un costo che può essere contenuto. La struttura sportiva perciò deve stimolare gli sponsor e sfruttarli a fin di bene ricordandosi sempre gli obiettivi principali!

AVVERTENZA
I contenuti degli articoli di questo sito non hanno valore prescrittivo, ma solo informativo e culturale. Tutti i nostri consigli e suggerimenti vanno sempre sottoposti all’approvazione del proprio medico.
NOTA INFORMATIVA INTEGRATORI ALIMENTARI
Leggere attentamente l’etichetta apposta sul prodotto. In caso di uso prolungato (oltre 6-8 settimane) è necessario il parere del medico. Il prodotto è controindicato nei casi di patologia epatica, renale, in gravidanza e al di sotto dei 12 anni. Gli integratori non sono da intendersi come sostituti di una dieta variata. Non superare la dose consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni di età.
NOTA SUL COPYRIGHT.
Tutti gli articoli pubblicati nel sito sono di proprietà di Api Editrici e sono protetti dal diritto d’autore. Sarà perseguita ogni riproduzione non autorizzata.

Commenta con Facebook

Commenti