Vertical Aquatic Style

Vertical Aquatic Style

Innumerevoli sono i benefici che possono derivare da un approccio verticale all’acqua, il futuro dei Centri Sportivi

 

Ero in Giappone verso la fine degli anni ‘90 e tutte le mattine mi recavo presso una normale piscina da 25 metri per allenare la nazionale di Triathlon. Puntualmente alle 8.00 arrivavano una trentina di persone fra i 50 ed i 70 anni che, messe in acqua le apposite pedane traforate, cominciavano a camminare utilizzando andature e velocità variabili per circa 45 minuti.

Da quel giorno ho cominciato a pensare che l’approccio verticale all’acqua potesse davvero rappresentare la rivoluzione del nuovo millennio nel mondo dell’esercizio fisico. Tanti anni sono passati, ma forse finalmente è giunto il tempo di questo storico cambiamento.

L’acqua: vissuta, usata e interpretata in verticale è, infatti, uno strumento globale di benessere e salute estremamente efficace, facilmente utilizzabile e senza significativi effetti collaterali.

Vertical Aquatic Style

L’Acqua in verticale è benessere psicologico

L’acqua è il gioco primordiale, quello che tutti i bambini cercano; che sia onda, neve o pozzanghera, quello che ci fa uscire con il sorriso dentro e le endorfine a mille dopo una lezione di Aquafitness.

L’Acqua in verticale è rilassamento e riequilibrio

Camminando nell’acqua, apprendendo le diverse andature o semplicemente cercando di mantenere gli equilibri più funzionali alle diverse posture, scarichiamo e rafforziamo senza sovraccarico le articolazioni degli arti, in particolare ginocchia e anche; potenziamo il core e tutta la catena muscolare posteriore diminuendo il carico sulla colonna; riduciamo, infine, le tensioni fisiche, psicologiche ed emotive accumulate nel quotidiano.

Vertical Aquatic Style

L’Acqua in verticale è dimagrimento e miglioramento dell’efficienza cardiovascolare

Nell’acqua possiamo muoverci o camminare (anche se obesi o in forte sovrappeso); possiamo farlo liberamente o utilizzando la bike ed il treadmill, attrezzi che ci consentono di semplificare ed ottimizzare la nostra gestualità aumentando in modo significativo l’efficacia della lezione o dell’allenamento;  possiamo farlo variando l’intensità del nostro esercizio partendo dalle nostre sensazioni  o facendoci guidare dal cardiofrequenzimetro, uno strumento fondamentale per individualizzare i carichi in relazione alle caratteristiche ed agli obiettivi di ciascuno.

L’Acqua in verticale è tonificazione ed incremento della forza

La resistenza offerta dall’acqua allo spostamento del corpo o dei singoli arti consente di tonificare in modo intelligente ed armonico il nostro organismo nella sua globalità. L’utilizzo dei piccoli attrezzi pensati ed ideati per l’acqua, sempre più numerosi ed evoluti, ci permette, d’altra parte, di potenziare in modo selettivo e senza pericolosi sovraccarichi i diversi gruppi muscolari.

Innumerevoli sono i benefici che possono derivare da un approccio verticale all’acqua e diversi sono i modi o le forme in cui può essere proposto: dalla lezione individuale al corso di aquafitness, dal rilassamento al minigruppo… e soprattutto in prospettiva “la Palestra in acqua”, il format che rappresenta la sintesi e l’integrazione di tutte le potenzialità di questa rivoluzione!

Probabilmente l’uomo è venuto dall’acqua ed all’acqua dovrà tornare se vorrà dare qualità e benessere ad una vita, forse prolungata in modo innaturale, ma comunque degna di essere vissuta in modo sano e piacevole

Commenta con Facebook

Commenti

In this article